SEI IN > VIVERE LOMBARDIA > ATTUALITA'
articolo

E' morto Paolo Spada. Nel periodo Covid diffuse le sue "Pillole di Ottimismo"

2' di lettura
62

Paolo Spada, 56 anni, chirurgo vascolare in servizio, per lunghi 27 anni, all'Ospedale Humanitas di Rozzano (MI). Era malato da tempo e si fece conoscere, in particolare, durante il periodo più difficile e drammatico della pandemia da Covid-19, con il suo podcast, "Pillole di Ottimismo".

Un grave lutto sconvolge il mondo della medicina e scienza milanese. All'età di 56 anni, dopo una terribile malattia, muore Paolo Spada. Medico, specializzato in chirurgia vascolare, per 27 anni è stato in servizio presso l'Ospedale Humanitas di Rozzano (MI). Era residente sempre nel milanese, ma a Buccinasco (MI).

Spada è scomparso a causa di una malattia che l'ha colpito e messo, emotivamente parlando, a dura prova passando così da medico a paziente oncologico. Una “prova d'esame” non indifferente per nessuno, tanto più per una persona che, da medico, con il suo inconfondibile modo di comunicare, ha sempre cercato di trasmettere coraggio, forza, e ottimismo a tutti suoi pazienti, ma anche ai suoi colleghi e colleghe, giovani e meno giovani.

Paolo Spada si è fatto conoscere, in particolare, durante il periodo più drammatico e difficile della pandemia. È stato l'ideatore del podcast, “Pillole di Ottimismo” con il quale ha cercato di parlare della pandemia da Covid-19, evitando discorsi di matrice catastrofista, e cercando di trasmettere l'idea che una pandemia, sebbene molto brutta, può essere affrontata in modo decisamente diverso, più propositivo e ottimistico, confidando nella scienza e le sue potenzialità.

Ha raccontato, a chiare lettere e a viso aperto, la sua malattia durante la serie di video-podcast, “Nel segno della cura”, creata sempre da Humanitas. Spada se n'è andato nella notte fra venerdì e sabato. Unanime il cordoglio del mondo medico-scientifico, a cominciare dai tanti colleghi e colleghe; anche molti follower che lo seguivano hanno voluto trasmettere il loro profondo dolore per la sua scomparsa.



Questo è un articolo pubblicato il 27-05-2024 alle 16:11 sul giornale del 28 maggio 2024 - 62 letture






qrcode