Lega, oggi la Pontida da record tra Europa, autonomia e sicurezza

5' di lettura 17/09/2023 - (Adnkronos) - Oggi, in quella che si preannuncia una 'Pontida da record', parte la campagna della Lega per le prossime europee, ma anche per il voto delle amministrative.

Per la 35esima edizione della manifestazione nata nel 1990 (ci sono state più appuntamenti nello stesso anno) si attendono migliaia di persone: circa 200 pullman, di cui una cinquantina 'targati' Lombardia, regione ospitante che fa la parte del leone tra le presenze, sono attesi per ascoltare gli interventi dei sei governatori leghisti, dei cinque ministri del Carroccio, dell'ospite e protagonista della politica francese Marine Le Pen e del segretario della Lega Matteo Salvini che chiuderà gli interventi.  "E' un appuntamento importante, fondamentale. C'è molto attesa per gli interventi di Salvini e di Le Pen, con la quale c'è un percorso di condivisione. Di fatto inizierà la campagna elettorale delle europee, sarà l'inizio di un percorso per creare un'alternativa all'Europa guidata dai socialisti che non porta cose di buonsenso e che mette le mani in tasca ai cittadini", spiega all'Adnkronos Fabrizio Cecchetti coordinatore lombardo del Carroccio.  "Inizierà anche la campagna delle amministrative, altro passaggio fondamentale. In Lombardia 949 comuni andranno a votare la prossima primavera, in pratica andranno alle urne due terzi dei comuni lombardi. Partiamo con 136 sindaci come Lega uscenti che vorremmo confermare. Abbiamo iniziato i tavoli nazionali e regionali la settimana scorsa, ci interessa mettere in campo il candidato migliore per governare con buonsenso, per dare risposte concrete. Non è un problema di bandierine".  Ma Pontida sarà l'occasione anche di un bilancio del lavoro della maggioranza. "Riteniamo assolutamente positivi i nove mesi di governo sia nella quantità che con la qualità, a partire dall'autonomia, tema che sta a cuore alla nostra base (3 milioni di lombardi votarono a favore nel referendum nel 2017). In questi mesi, con il ministro Roberto Calderoli si è parlato di autonomia come non è mai stato fatto negli ultimi 30 anni e il disegno di legge sta proseguendo l'iter in Commissione Affari Costituzionali al Senato".  Promosso, dal leghista Cecchetti, anche il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti che ha tolto "quel reddito di cittadinanza che è costato ai cittadini italiani 31 miliardi di euro, senza aver creato un posto di lavoro", soldi ora dirottati su "lavoratori dipendenti e pensioni minime", mentre l'obiettivo della manovra è confermare il taglio del cuneo fiscale e l'abbassamento del costo del lavoro. "Il ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara sta mettendo ordine sull'organizzazione della scuola, mentre la ministra Locatelli sta facendo di tutto e di più. Manca la flax tax e altre cose, ma non si può fare tutto in nove mesi" aggiunge.  "Il piglio che la Lega che sta dando all'interno di questo governo è positivo, ci aspettiamo una Pontida da record, per dimostrare la vicinanza a Salvini, ai nostri ministri e amministratori per l'ottimo lavoro che stanno facendo". Nelle vesti di ministro delle Infrastrutture Salvini "solo in Lombardia ha fatto riaprire 40 cantieri" che si traducono in posti di lavoro. "Chi fa polemica sul ponte sullo Stretto dimentica che non porta via neanche un cantiere alle altre regioni, costa meno di un anno di reddito di cittadinanza, porterà ricchezza a tutti e la maggior parte dell'indotto economico per l'opera lo avranno gli imprenditori del Nord".  Tra le parole chiavi di Pontida - dove ci sarà spazio anche per il ricordo di Silvio Berlusconi e Roberto Maroni - non possono mancare immigrazione e sicurezza, da sempre temi delle campagna del Carroccio. Dal decreto baby gang al tema dei minori non accompagnati, gli occhi sono puntati sul continente africano che "sta collassando, tra fame e guerre. Se non interviene l'Europa e non cambia passo, l'Italia da sola non può risolvere il problema" spiega l'esponente leghista critico con gli atteggiamenti di chiusura, fino a ieri, di Francia e Germania.  "Se non fossimo stati organizzati ci sarebbe stato davvero il collasso, il ministro Piantedosi e il sottosegretario Molteni stanno facendo benissimo pur essendo lasciati soli. Con Salvini ministro dell'Interno abbiamo avuto il record negativo di arrivi, ma c'era una situazione geopolitica molto differente. La nostra parte la stiamo facendo, ma l'Europa non tiene conto che Lampedusa è un confine europeo. L'Europa non può pensare all'Italia solo per le tasse e abbandonarla sul tema migranti" sottolinea Cecchetti. "La Lega ha fermato gli sbarchi quando poteva, mentre l'Europa si riempie la bocca di solidarietà. Salvini in un Paese normale doveva ricevere medaglie al valore invece è a processo. Stiamo facendo tantissimo, ma da soli è difficile fermare questi numeri".  Sotto un cielo che non promette pioggia e davanti a un palco di 50 metri, il popolo della Lega è pronto oggi a festeggiare e sostenere il partito più longevo del panorama nazionale che punta ad avere più voce a Bruxelles. "Sarà una Pontida che guarda all'Europa, per un'Europa migliore, a fianco dei cittadini e che ha come bussola il buonsenso che non è di destra, né di sinistra. Da quel prato riparte la nostra azione politica in vista di sfide fondamentali per la Lombardia, l'Italia e l'Europa" conclude Cecchetti.  





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 17-09-2023 alle 16:39 sul giornale del 18 settembre 2023 - 50 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/eshs





logoEV
qrcode