Strage di piazza della Loggia, Palazzo Chigi: “Non abbiamo ricevuto avvisi”

1' di lettura 23/03/2023 - ROMA - "La Presidenza del Consiglio non ha ricevuto alcun avviso riguardante la fissazione dell’udienza preliminare del processo a carico di Roberto Zorzi e Marco Toffaloni, imputati per la strage di piazza della Loggia Brescia.

Per questo, l’Avvocatura dello Stato, su mandato della stessa Presidenza del Consiglio, chiederà al Gup di Brescia la rimessione in termini ai fini della costituzione di parte civile, che seguirà non appena la rimessione sarà concessa". Lo dice il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano, in una nota ufficiale. Il commento arriva in seguito alla diffusione della notizia secondo cui Palazzo Chigi non si era costituito parte civile in un nuovo processo per la strage fascista. LA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA Il 28 maggio del 1974, in Piazza della Loggia a Brescia, alle ore 10.12, una bomba in un cestino, una registrazione di un intervento sindacale interrotto dal boato, seguito dallo sgomento. Otto le vittime: Giulietta Banzi Bazoli, Livia Bottardi in Milani, Alberto e Clementina Trebeschi, Euplo Natali, Luigi Pinto, Bartolomeo Talenti e Vittorio Zambarda. La strage è di matrice fascista, ha appurato la magistratura.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 23-03-2023 alle 14:41 sul giornale del 24 marzo 2023 - 22 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dYZr





logoEV
qrcode