SEI IN > VIVERE LOMBARDIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Milano: Sport: stop agli abusi, ecco come riconoscerli e fermarli

5' di lettura
40

La paura di denunciare gli abusi. I segnali di un disagio da riconoscere, per intervenire con tempestività. La disponibilità ad ascoltare e anche accogliere racconti dolorosi, senza giudicare. E l'impegno affinché nessuna ragazza e nessun ragazzo debbano vivere situazioni di violenza, fisica o verbale, nella vita di tutti i giorni e nell'ambiente in cui praticano attività sportiva.

Sono queste le tappe delineate dell'appuntamento "Insieme contro gli abusi nello sport", in programma domani, martedì 14 marzo, alle ore 18 nella Sala Alessi di Palazzo Marino.
L'incontro, promosso da ChangeTheGame con il patrocinio del Comune di Milano, vedrà la partecipazione delle associazioni sportive che operano sul territorio milanese e dei loro rappresentanti, dirigenti e tecnici, oltre che di ragazzi, ragazze e famiglie. Sono previsti gli interventi dell'assessora allo Sport del Comune di Milano Martina Riva, della fondatrice dell'Associazione ChangeTheGame Daniela Simonetti, della presidente del Consorzio Vero Volley Alessandra Marzari e della giudice del Tribunale di Milano Paola Pendino.

"Abbiamo fortemente voluto organizzare un momento di dibattito e ascolto su questo delicato e doloroso tema – commenta l'assessora Riva –. Credo sia doveroso nei confronti di tutte le ragazze e i ragazzi che hanno subito qualsiasi forma di maltrattamento o abuso nell'ambito delle loro esperienze sportive. Vogliamo sappiano che non sono loro ad aver sbagliato, che non devono avere paura del giudizio del mondo adulto rispetto alle violenze subite, che le loro storie possono essere di aiuto a tanti coetanei e a tutto il mondo dello sport, affinché non si perdano di vista i valori positivi e formativi di cui la pratica sportiva è da sempre primo promotore".

L'appuntamento è volto a presentare il fenomeno degli abusi nell'ambiente sportivo, a cominciare dai diversi ambiti e dalle molteplici modalità in cui questi purtroppo si possono manifestare, così da poterli definire in maniera corretta e anticipare il percorso adeguato per fermarli. A questo scopo è di grande aiuto l'esperienza sviluppata da ChangeTheGame, organizzazione di volontariato impegnata da anni a contrastare il fenomeno della violenza fisica, emotiva e sessuale nello sport sia attraverso percorsi formativi, toolkit e campagne di sensibilizzazione, sia promuovendo strumenti digitali accessibili a tutti e a tutte, come lo sportello online "Ti ascolto", sviluppato in collaborazione con il Consorzio Vero Volley.

Spiega Daniela Simonetti, fondatrice di ChangeTheGame: "Credo sia improcrastinabile introdurre un Codice rosso per lo sport, come quello che tutela le vittime di violenza domestica e di genere. Il codice della giustizia sportiva del CONI e i regolamenti di giustizia federali sono stati elaborati quando ancora mancavano sensibilità e attenzione verso i minori e verso le donne e in generale non tengono conto degli illeciti (reati) di violenza (di qualsiasi tipo), di abuso, di atti persecutori e in genere dei delitti contro la persona e la sfera sessuale. Le Federazioni devono facilitare le denunce alzando i termini della prescrizione in campo sportivo per permettere alle giovani vittime di crescere e di scegliere come agire in modo consapevole. Violenze e molestie devono diventare un illecito disciplinare, codificato nei Regolamenti di Giustizia sportiva".

Anche "fare rete" è fondamentale per "fare informazione" e per contrastare un fenomeno rimasto spesso e a lungo sommerso nelle pieghe del sistema sportivo, nazionale e internazionale. Lo conferma Alessandra Marzari, presidente del Consorzio Vero Volley: "Il tema degli abusi sui minori è molto doloroso e le società sportive se ne devono interessare, i presidenti ci devono pensare, così come le Federazioni Sportive, le Leghe e l'intero governo dello sport. Il primo passo da fare è portare a conoscenza il fenomeno per quanto la tentazione sia quella di non volersene occupare. Perché la violenza sessuale, gli abusi, le molestie investono aspetti indecifrabili e inspiegabili della personalità umana che sono molto duri da affrontare e da capire. Le società sportive possono fare tanto, sia per la formazione dei propri collaboratori, sia per quanto concerne l'aspetto educativo dello sport".

Alle società, alla loro attività e alle loro comunità sono rivolti anche alcuni dei materiali informativi sviluppati da ChangeTheGame, come il "Manuale per la consapevolezza contro gli abusi sui minori nello sport per i genitori", oppure l'opuscolo "Educare alla consapevolezza contro gli abusi sessuali nello sport", un vademecum destinato agli operatori del mondo sportivo (entrambe le pubblicazioni si possono scaricare gratuitamente in formato PDF sul sito).

"La vittima deve sapere che dall'altra parte c'è qualcuno che davvero raccoglierà la sua denuncia e la ascolterà e questo in Italia accade ancora molto poco. Perché se penso di poter denunciare un abuso, una violenza o comunque una forma di disagio e non sono sicura che dall'altra parte ci sia qualcuno che mi ascolta e raccoglie la mia testimonianza, faccio fatica ad assumermi quella responsabilità di raccontare. Perché so quale tipo di argine andrà a rompersi e una volta che è caduta la diga non si può contenere l'effetto dell'acqua che corre: quindi, si pensa che possa venire travolta io, la mia famiglia, i miei amici, gli affetti – conclude Paola Pendino, giudice del Tribunale di Milano.

Per partecipare all'evento è necessario registrarsi gratuitamente su https://changethegame.eventbrite.com/.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2023 alle 16:02 sul giornale del 14 marzo 2023 - 40 letture






qrcode