Presidente Fontana nella Provincia di Bergamo: "Essere 'sindaco di tutti i lombardi' significa stare al fianco di ogni Comune"

5' di lettura 14/10/2022 - Il viaggio del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, per illustrare gli interventi di valorizzazione dell’Area Interna, ‘Lario Orientale, Valle San Martino e Valle Imagna’ – iniziato a Civate e proseguito nel lecchese – è continuato in provincia di Bergamo e si è concluso con due appuntamenti a Sant’Omobono Terme.

PRESIDENTE FONTANA: STRATEGIA PER AUMENTARE ATTRATTIVITÀ – “Fin dall’inizio del mio mandato, anche grazie alle mie esperienze istituzionali precedenti – ha spiegato il presidente Fontana – ho detto di voler essere il ‘sindaco di tutti i lombardi’. Ecco, anche le visite che in queste settimane stiamo svolgendo in tutta la Lombardia, con un confronto serrato con amministratori e stakeholder, vanno proprio in questa direzione”. “La strategia delle ‘Aree interne’ – ha aggiunto il governatore – è uno strumento importante che, in tutta la Lombardia, consente di potenziare competitività e attrattività di questi territori mettendo in campo ulteriori risorse, integrando e ottimizzando i fondi già disponibili per garantire anche i servizi necessari ed evitare lo spopolamento”.

ASSESSORE SERTORI – “Anche per questa area – ha spiegato l’assessore a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori – la perimetrazione delinea una prospettiva di lavoro sfidante, per estensione (41 Comuni, di cui 23 sotto i 5.000 abitanti), caratteristiche territoriali ed ambientali, vincoli anche infrastrutturali. A partire dai fabbisogni espressi dalle comunità di questo territorio e dalle risorse locali, attraverso un percorso di co-progettazione sarà possibile individuare politiche strategiche di sviluppo, ricercando sinergie tra diversi attori, linee di finanziamento e programmi di natura settoriale, interventi materiali e immateriali”.

ASSESSORE TERZI – “Sono molto legata alla Valle Imagna, – ha detto l’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, anche per ragioni familiari – e conosco bene una realtà su cui Regione Lombardia, da tempo, sta investendo risorse per favorire sviluppo e competitività con l’obiettivo di valorizzare un territorio meraviglioso e dal grande potenziale. Con lo strumento del Piano Lombardia siamo infatti intervenuti su più fronti a sostegno delle Amministrazioni locali per potenziare, a esempio, le infrastrutture in chiave turistica. Ora, con la programmazione delle ‘Aree interne’, arriveranno nuove risorse per ulteriori investimenti. Proseguiamo il nostro lavoro con l’impegno di sempre e accanto a sindaci e amministratori locali”.

L’AREA INTERNA, LE COMUNITÀ MONTANE – L’Area interna Lario Orientale, Valle San Martino e Valle Imagna (41 Comuni per un totale di 136.382 abitanti) è una delle aree interne individuate da Regione Lombardia nel documento ‘La Strategia Regionale ‘Agenda del controesodo’: individuazione delle Aree Interne per il ciclo di programmazione europea 2021-2027’.

Due le Comunità montane: i Comuni bergamaschi appartenenti alla Comunità montana Lario Orientale Valle San Martino sono 26. Quindici quelli appartenenti alla Comunità montana Valle Imagna.

Valle San Martino: Caprino Bergamasco, Cisano, Pontida (il 4° è Torre de’ Busi, tornato a far parte della provincia di Bergamo dal 27 gennaio 2018, dopo un periodo di 25 anni trascorso in provincia di Lecco).

Valle Imagna: Almenno San Bartolomeo, Almenno San Salvatore, Bedulita, Berbenno, Brumano, Capizzone, Corna Imagna, Costa Valle Imagna, Fuipiano Valle Imagna, Locatello, Palazzago, Roncola, Rota Imagna, Sant’Omobono Terme e Strozza in Valle Imagna.

MADONNA DEL CASTELLO, ALMENNO SAN SALVATORE – Il presidente Fontana, accompagnato dagli assessori agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, ha visitato il cantiere per il recupero del complesso romanico della Madonna del Castello ad Almenno San Salvatore. Il progetto ha previsto la realizzazione di opere per il consolidamento strutturale e il miglioramento sismico delle strutture esistenti; gli interventi sono stati cofinanziati con 150.000 euro complessivi.

CÀ BERIZZI, CORNA IMAGNA – La visita è proseguita con un sopralluogo ai lavori effettuati presso il complesso di Cà Berizzi, in località Cà Berizzi, a Corna Imagna. Completamente restaurato e trasformato in un centro polifunzionale, ospita una Biblioteca, una struttura ricettiva e un centro di animazione culturale e di promozione dell’accoglienza.

Dal 4 giugno 2015 Cà Berizzi è aperto stabilmente, con biblioteca e sala multimediale con la sezione storica della biblioteca del Centro Studi, il ‘tesario’ (costituito da diverse centinaia di tesi di laurea di etnologia, architettura e design) e l’archivio dei video e fono-documenti della memoria e dell’identità. Funge da centro di promozione e animazione territoriale. Dal 1° giugno 2016 sono stati attivati anche i servizi recettivi con ristorazione, camere per il pernottamento e sala convegni.

SANTUARIO DELLA CORNABUSA, SANT’OMOBONO TERME – La visita del presidente è proseguita al Santuario della Cornabusa a Sant’Omobono Terme. Ricavato da una grotta naturale, aperta in una montagna a strapiombo sulla valle, il santuario situato nella frazione Cepino, inserito tra i luoghi del cuore del Fai (Fondo Ambiente Italiano), fu costruito nel corso dei secoli a partire dal ‘500 ed è il santuario più caratteristico della provincia di Bergamo.

Per il Comune di Sant’Omobono Terme il Piano Lombardia ha finanziato l’intervento di messa in sicurezza della strada Sant’Omobono-Bedulita e i lavori di sistemazione e miglioramento della viabilità al bivio per Santuario, per un totale di 112.500 euro.

AREST, INIZIATIVE PER L’AGRICOLTURA – C’è un progetto per la Valle Imagna tra quelli ammissibili a finanziamento per l’agricoltura di montagna, nell’ambito di Arest: ‘Waldmann: nuova energia dalle nostre radici’, per un importo totale di 6.000.000 euro, è stato approvato a febbraio di quest’anno. Obiettivo dell’iniziativa è sostenere economicamente il sistema rurale e ambientale, attraverso lo strumento dell’Accordo di rilancio economico sociale e territoriale (Arest).

I FONDI PER IL TERRITORIO – Con il Piano Lombardia sono stati assegnati 3.487.500 euro per un totale di 21 interventi (20 comunali, 1 della Comunità montana Valle Imagna).

Gli incontri in valle Imagna del presidente Attilio Fontana si sono conclusi con la visita alla pasticceria Acquario di Sant’Omobono Terme, oggetto di recupero di un edificio storico, realizzato grazie al bando ‘Turismo e Attrattività di riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere, extra-alberghiere e dei pubblici esercizi’.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2022 alle 17:49 sul giornale del 15 ottobre 2022 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, lombardia, regione lombardia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dv8A





logoEV
qrcode