Regionali Lombardia, Azione gela Pd: “Nostro nome entro l’anno”

1' di lettura 10/10/2022 - No alle primarie, ai 5 stelle e a Letizia Moratti: "E' la vice di Fontana. Non aspetteremo l'esito di questa storia che è tutta interna al centrodestra".

E' un muro verticale quello alzato da Azione sul campo largo per le regionali in Lombardia di primavera. A gelare tutti, compreso Beppe Sala, freddo da giorni con gli autoconvocati del suo assessore Pierfrancesco Maran che vogliono i gazebo in ogni provincia sul modello americano (copyright della proposta Pierfrancesco Majorino), è stato stamane il coordinatore regionale del partito di Calenda, Niccolo' Carretta, che partecipava- curiosità- a una conferenza stampa congiunta al Pd sul problema del trasporto ferroviario in regione. CARRETTA: "NO A PRIMARIE E M5S, AMMASSO CONFUSO DI SIGLE" "Le primarie non sono un'opzione percorribile al momento. Riteniamo che il tempo sia poco e quindi dobbiamo lavorare per cercare un profilo autorevole che possa portare avanti il nostro programma. Siamo a lavoro con una proposta da rivolgere a chi ci sta e vogliamo partire entro la fine dell'anno", la linea di Carretta, che ribadisce il veto ai 5 stelle. "Azione è al lavoro per una proposta di rinnovamento della Lombardia, ma deve essere una proposta riformista e coerente con il lavoro che stiamo facendo a livello nazionale. Non può essere un ammasso confuso di più sigle 'contro qualcosa'". IL DEM BUSSOLATI: "SONO VETI NAZIONALI, QUI SEMPRE STATI IN SINTONIA" Immediata la replica del consigliere regionale dem Pietro Bussolati, che sabato era con Maran e Giuliano Pisapia. "Sono veti nazionali, qui dalla sanità ai trasporti siamo sempre stati in sintonia".





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 11-10-2022 alle 14:10 sul giornale del 11 ottobre 2022 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/du91





logoEV
logoEV
qrcode