Testo unico sull'immigrazione, De Corato: basta perdere tempo, fermare ricongiungimenti stranieri senza reddito adeguato

de corato 1' di lettura 21/06/2022 - Nel corso dell'ultima riunione della Conferenza delle Regioni è stata presentata una proposta di modifica all'articolo 29 del 'Testo unico sull'immigrazione', nella parte riguardante il reddito minimo annuo necessario per chiedere il ricongiungimento familiare.

"La proposta - ha commentato l'assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia, De Corato - formalizzata dalla Regione Friuli-Venezia Giulia e condivisa dal primo momento da Regione Lombardia, faceva parte di un percorso concordato durante una precedente riunione della Conferenza delle Regioni. Ciò nonostante, i rappresentanti di Emilia-Romagna e Campania hanno chiesto un ulteriore rinvio della discussione per ricevere ulteriori approfondimenti".

"Questa richiesta - ha aggiunto - è pretestuosa e rischia di portarci dentro un ginepraio di numeri difficilmente riscontrabili nel breve periodo. Il problema è reale e va affrontato al più presto, senza perdere tempo, come hanno ribadito anche le Regioni Friuli-Venezia Giulia e Toscana".

"L'attuale cifra prevista dal testo - ha proseguito - che permette il ricongiungimento di uno straniero con un familiare in Italia, grava pesantemente sul welfare di Comuni e Regioni. Per questo la nuova proposta prevede di innalzare la soglia di reddito necessario, portandola almeno a 11.000 euro a persona, cifra che attualmente consente di accedere al gratuito patrocinio. Si tratta di condizioni simili a quelle previste da altre Nazioni, forse più realistiche dell'Italia, come ad esempio la Germania".

"Anche l'Anci e i Comuni seguono questo problema con grande attenzione. Perciò - ha concluso l'assessore regionale De Corato - mi auguro che si possa arrivare alla modifica del Testo unico entro la prima settimana di luglio".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2022 alle 12:15 sul giornale del 22 giugno 2022 - 114 letture

In questo articolo si parla di attualità, lombardia, regione lombardia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcdb