SEI IN > VIVERE LOMBARDIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Salute. Costa: "Persone con diabete aumentate 60% ultimi 20 anni"

2' di lettura
154

"SONO PIÙ DI 3 MILIONI E MEZZO, RAFFORZARE RAPPORTO OSPEDALE-TERRITORIO" (DIRE) Roma, 9 nov. - "Trovo di grande significato che in vista del 14 novembre, Giornata mondiale del diabete, le Istituzioni si occupino di uno dei grandi temi che affrontiamo nella sfida alle cronicità.

In Italia, l'Istat ci dice che negli ultimi 20 anni le persone con diabete sono aumentate di circa il 60 per cento, passando dal 3,8 per cento della popolazione al 5,8 per cento, cioè oltre 3 milioni e mezzo di persone. Un numero impressionante al quale dovremmo poter aggiungere circa 1 milione di persone che hanno la malattia ma ancora non ne hanno consapevolezza". Lo scrive il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, in un messaggio inviato alla conferenza stampa dal titolo 'La persona con diabete e la sfida della gestione della cronicità: dalla medicina territoriale alla sanità digitale'. L'evento è stato organizzato al Senato presso la sala Caduti di Nassirya. Costa ha aggiunto: ''Se c'è un esempio di sfida alle cronicità, il diabete ci chiama all'appello. E credo che Fand, l'Associazione Italiana Diabeteci, stia facendo un lavoro al quale prestare molta attenzione. Mettere intorno al tavolo società scientifiche, specialisti, medici di medicina generale, pazienti e decisori è la strada. Attendiamo con curiosità e valuteremo con attenzione il documento di Consenso che il tavolo elaborerà, consapevoli che dobbiamo rafforzare il rapporto Ospedale-territorio, rivedendo se è il caso i percorsi terapeutici''.

L'esponente del governo ha poi continuato: ''Troppo spesso il diabete viene scoperto per caso, in seguito a un evento acuto, quando il paziente ha bisogno del ricovero. Non è pensabile avere ancora statistiche che ci dicono che il paziente diabetico 'si perda', ossia finisca per dimenticare la patologia, continuando a ignorarla così come aveva fatto inconsapevolmente in precedenza, ma purtroppo scompensandosi ulteriormente''. Secondo Costa ''è necessario prevedere una campagna straordinaria di screening emerga un sommerso da un milione di cittadini inconsapevoli. La figura del medico di medicina generale, anche nella diagnosi precoce, deve avere una centralità perché nessuno meglio di lui conosce il paziente, i fattori di rischio a cui è esposto, il rispetto dei controlli periodici e l'adozione di stili di vita che possano favorire un buon compenso della malattia''. Il sottosegretario alla Salute ha infine dichiarato: ''Considero l'educazione e la prevenzione fondamentali. Bisogna partire dalle scuole, dall'educazione alimentare che, insieme all'attività fisica, è la prima forma di prevenzione. Credo che gli investimenti in innovazione e tecnologia previsti nel Pnrr possano essere un aiuto determinante. Rinnovo dunque il mio impegno e attendo il documento di consenso dei pazienti, perché è a loro che deve essere rivolta la nostra azione''. (Fde/ Dire)



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 09-11-2021 alle 12:07 sul giornale del 10 novembre 2021 - 154 letture