Grone (Bergamo): sorpresi a coltivare tremila piante di marijuana. Tre arresti

1' di lettura 20/12/2020 - I Carabinieri della Compagnia di Bergamo hanno arrestato tre persone per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, poiché sorprese a coltivare migliaia di piante di canapa in due vere e proprie piantagioni.

I Carabinieri della Stazione di Calcinate, a conclusione di una prolungata attività info-investigativa, sono intervenuti a Grone, presso una cascina apparentemente in disuso, dove in realtà tre uomini, un 41enne con vari precedenti a suo carico, con un 30enne e un 34ennne incensurati, tutti di origine albanese, avevano creato un vero e proprio laboratorio, costruendo delle serre artigianali (perfettamente funzionanti), contenenti migliaia di piante di marijuana in fase di coltivazione e munite di tutto il materiale necessario alla lavorazione della cannabis.

In particolare, nel corso della perquisizione, i militari dell’Arma hanno rinvenuto circa 3mila piante di canapa, delle quali circa 300 ,già in un avanzato stato di coltivazione. Inoltre, nel corso dei controlli, i militari hanno scoperto che i tre uomini avevano creato un sistema di allaccio abusivo alla rete di energia elettrica, per alimentare i numerosi macchinari necessari alla coltivazione delle piante.

Al termine delle attività, la cascina e lo stupefacente sono stati posti sotto sequestro, mentre i predetti sono stati arrestati e trattenuti presso questa sede in attesa del giudizio direttissimo.






Questo è un articolo pubblicato il 20-12-2020 alle 10:26 sul giornale del 21 dicembre 2020 - 184 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, milano, lombardia, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bGrU





logoEV